lunedì 14 settembre 2009

21 KM DI SOLITUDINE

Passatore 2009 by Moni

 .
Il programma prevedeva un lungo, ma io ero indecisa se inserire o meno una salita in questo allenamento visto che dopo i 30km della settimana scorsa e delle ripetute effettuate in settimana mi sentivo abbastanza stancuccia. Comunque, seguendo il consiglio di un amico molto più esperto di me, ho deciso dopo settimane di effettuare un allenamento su percorso perfettamente pianeggiante e quindi ho optato per quello di  Sant'Agostino, in verità a me totalmente sconosciuto. Parto alle 05:45 da casa armata di tante buone intenzioni, iPod e musica sparata nelle orecchie, se mi fosse passato un Tir sopra neanche me ne sarei accorta se non quando, forse, al momento dell'impatto.
 Arrivo allo start ed inizio a correre seguendo il percorso perfettamente tracciato 3km, 7km, 13km.... E' tutta  zona industriale, quindi a quell'ora di sabato mattina perfettamente deserta, mi inoltro, sempre seguendo le frecce a terra, per una stradina di campagna ed ad un certo punto vedo un uomo in bicicletta che mi viene incontro, veloce sguardo attorno e mi rendo anche conto che a parte una motozappa ed una rimessa, non c'era neanche un'abitazione nei dintorni. Penso :"ecco, questa è la volta buona che non rientro a casa o se rientro lo faccio malconcia". Con fare indifferente continuo a correre pensando che forse sarebbe stato il caso, nonostante il caldo, di non indossare i pantaloncini e la canotta, bensì uno scafandro.... Fortunatamente il signore in questione non era pericoloso, ma solo una povera anima che transitava per la sua strada e dopo un laconico buongiorno mi ha abbandonata. I km scorrono ed anche le mie gambe vorrebbero osare di più, ma sono solo al settimo km, meglio non strafare se voglio fare un piccolo test. Continuo a correre con davanti a me un'alba travolgente, uno spettacolo che da solo vale la fatica e la levataccia mattutina, come non sentirsi in pace con il mondo intero in questi momenti? Per qualche minuto tutti quei brutti pensieri che ultimamente veleggiano nella mia mente, spariscono completamente, lasciandomi solo quella sensazione di stupore e meraviglia che non possiamo fare a meno di provare di fronte a certi miracoli della natura, anche di quelli che si avverano ogni giorno...
 14°km... oso un pò di variazione e devo dire che mi va di lusso, poi rallento di nuovo, voglio arrivare fino alla fine in buono stato e non soffererente. Sento la schiena che comincia a brontolare e quindi anche le gambe iniziano a tirare, allora rallento un altro pò, inutile fare gli eroi, i 30km di sabato scorso,  la salita e soprattutto la discesa di venerdì si fanno sentire. 19°km, nelle orecchie la musica di Flash Dance, She is maniac, è un pezzo che riporto in ogni playlist, non so perchè ma mi è sempre piaciuto tantissimo, aumento l'andatura per finire in progressione ed al 21km guardo il Garmin, ultimi km a 4'50", media 5'22"km, senza sofferenza se non quella dettata dalla schiena. Tutto sommato sono molto contenta, ora mi aspettano i fatidici 35km.... Qualcuno vuole farmi compagnia?

.

20 commenti:

the yogi ha detto...

già, il miracolo della natura... bello avere avere occhi per goderne; domattina, per la prima volta, ci proverò anch'io... spero che non piova! :)

Monica ha detto...

Se piove non sarà la stessa cosa, però sono sicura che ti piacerà tantissimo correre all'alba.
Monica

Michele ha detto...

Per un attimo ho pensato fosse quel lavativo di Ezio, hai fatto una bella corsa.

Monica ha detto...

Lavativo Ezio? ma se quel poverino ieri ha corso per 34km....
Grazie Michele, sono state delle belle sensazioni.

Marco Bucci ha detto...

Brava Monica sei encomiabile e trasmetti sensazioni positive quanto contagiose...
A me quando tocca farlo per la maratona sono sofferenze psicofisiche indicibili, specie d' inverno, col buio e la citta' che piano piano si risveglia ... insomma non e' il mio massimo, ma il lungo domenicale non conosce alternative...
Cos'e' che stai preparando ? Se Firenze forse ci si potrebbe vedere (miei tendini permettendo...!!!).

Monica ha detto...

Ciao Marchino, preparo sia Lucca che Firenze, ma staremo a vedere tra una quindicina di giorni cosa succede. Facciamo così, tu torni a trovarmi e così un bel lungo mattutino ce lo facciamo insieme, casomai però non in una giornata di pioggia come questa.
Certo che ci sarai a Firenze, perchè ne dubiti?

er Moro ha detto...

It was a pleasure read you..
Good, big run!
I hope we meet in Firenze:meantime so you must continue!

Anonimo ha detto...

fai sempre la modesta...sempre piangendo..poi vai come un treno!!! dai monica che a lucca si volaaaaaa
ivo

Monica ha detto...

@ Er Moro, il piacere è sicuramente reciproco e se verrai a Firenze, la speranza allora diverrà certezza....
Grazie.

Monica ha detto...

Ivo, ma non lo sai che una caratteristica dei runners è quella di lamentarsi sempre? No, scherzo, io quando mi lamento è sempre per motivi reali.
Io domenica tifo per te ricordatelo.

Alvin ha detto...

ammazza che levataccia... e quando era caldo partivi alle 4?
Vai benissimo, continua così!

Monica ha detto...

@Alvin, no, estate o inverno, l'orario è sempre lo stesso, ma ho scoperto che c'è anche chi parte prima sai?

albertozan ha detto...

"davanti a me un'alba travolgente, uno spettacolo che da solo vale la fatica e la levataccia mattutina, come non sentirsi in pace con il mondo intero in questi momenti?"....quanto hai ragione...certi spettacoli della natura travolgono proprio!

P.S.: con "She is maniac" la progressione è naturale ;-) ciao!

GIAN CARLO ha detto...

La prossima volta scegli un percorso meno pericoloso.
da questo punto di vista il centro città è + sicuro anche alle 5.45 c'è sempre quell'andirivieni che fa sicurezza. Ovviamente non parlo per me che sarei tranquillo ovunque(e chi mi si prende ?) ma per una fanciulla in piena salute.

Monica ha detto...

@ Alberto, conosci anche tu queste sensazioni vero? Hai ragione, la musica è veramente adatta al progressivo, forse dovrei inserire a ripetizione solo questa nell'iPod.
@ Giancarlo, di solito scelgo percorsi più cauti e con almeno tre passaggi davanti a caserme varie, però un pò difficile farlo per un lungo. Casomai la prossima volta cerco di trovare compagnia, ma i miei compagni di squadra sono tutti dormiglioni.

Francarun ha detto...

Monica li a san Agostino non è pericoloso, sai quante volte mi ci sono allenata da sola, ci ho fatto anche 35 km nel circuito dei 3.
Hai fatto bene a farli in pianura, metti sempre troppe salita nel tuo programma secondo me e soprattutto la discesa, i Mastro ci ha sempre detto che non dobbiamo fare mai la discesa quando facciamo un lungo. Ma poi quanti lunghi fai, ti stanchi troppo.
Per i 35 km Moni io li faccio Domenica a san gimignano !

Monica ha detto...

@ Franca, di solito non è pericoloso, ma di sabato mattina a quell'ora, quella zona è completamente deserta. Hai ragione per le discese, ma non a caso Newton ha stabilito che esiste una forza di gravità... Se c'è una salita, c'è anche una discesa e me lo dici tu a me chi mi viene a riprendere da lassu? A San Gimignano forse vengo anche io, ma poi si mangia lì?
Monica
P.s. Non tanti lunghi Franca, di seri ne ho fatti solo due.

Francarun ha detto...

Non credo però devo sentire Stefano perchè la partenza è alle 9 e se ci impiego 2h,34 come nel 2007 e poi metto altri 6 km mi sa che finisco tardi, dopo le 12 quindi non lo so se ci conviene mangiare li o tornare a casa, te lo faccio sapere semmai ci andiamo insieme !

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

good start