mercoledì 4 luglio 2007

Pia ssu sassu ssa...

Ovvero una piccola raccolta di Poesie Dialettali dei Castelli Romani.
Inutile dirvi che qualsiasi vostra segnalazione personale o di altro autore sara' un piacere pubblicarlo.
Come d'obbligo iniziamo con un racconto del Presidente che non poteva che chiamarsi:

‘A CORSA

Da quarche mese m’ ha piato a curre,
ma a curre sur serio.
Macino chilometri e chilometri a settimana …
seguo ‘e tabbelle, faccio i “lunghi”, ‘e “ripetute”,
i “progressivi” … me ci sto proprio ‘mmattiscenno appresso.
Se comincia così, pe’ scherzu,
tanto pe’ nu sta’ fermi, pe’ smoscia’ npo’ de panza …
e po’ senti’ che te pia, te pia de brutto.
Allora te cumpri ‘nparu de scarpette bone,
‘ncronometru precisu,
quillu che te dice a quanto stai a i a chilometru
e po’ a sera, appena staccato da lavora’,
vai a Villa Torlonia …
ma ci sta pure chi va a u Lagu, ar Vivaro,
‘nmezzo pe ‘e vigne …
A Villa Torlonia è pieno de sonati …
Tutti a tribbola’, a sputa sangue,
a riccontasse i doluri a ‘e zampe,
tutti a parla’ a u stessu modu :
“ a quanto stai a i, a cinque, a quattro e trenta,
a quattro e venti … ecchime che ‘rrivo pure io …
tanto tengo da scarica’ … dimenica so’ curso ‘a maratona …
aho, ma nun iate troppo forte !”
‘Na cosa è certa, ‘nVilla piano nun ce se riesce a i :
c’è sempre chi mette ‘a quarta e te fa strippa’.
E ‘ntanto giri e giri,
evitenno carrozzelle e scavarghenno munelli ‘nbicicletta
che pare che te stanno a ‘spetta’ pe’ tajatte ‘a strada …
fai n’ ora, n’ora e mezza
e ‘a fine, straccu mortu
riesci solo a ‘ccorgite che qui du’ regazzi,
che quand’ eri cominciato steino a pomicia’
‘mmucchiati sopra all’ utima panchina de ‘a salita,
‘ncora nun se so’ staccati.

21 ottobre 1997
Fausto Giuliani


1 commento:

gigi ha detto...

Ciao amici mi chiamo Gigi Pinotti e vivo a Rieti,ho visto questo bel sito di corsa e siccome anch'io corro qui a Sangemini e mi piace scrivere poesie vi mando questa se volete metterla. Ciao e a presto.

LA CORSA DELLA DOMENICA

ECCOLI Lì CI STANNO TUTTI.
LI CARZONCINI CORTI, LE MAGLIETTINE STRETTE,
LE SCARPETTE ULTIMA MODA COSì LEGGERE CHE
PE ESSE SICURI DE PORTALLE TE DEVI GUARDA’ LI PIEDI.
LA MANO DESTRA E’ PRONTA A FA SCATTA’ I SECONDI.
LO SPARO.
VIA.
E’ UN FIUME COLORATO.
SO GLI ATLETI ,LI PODISTI: ALTI, BASSI, GRASSI,SECCHI,UOMINI, DONNE, GIOVANI E VECCHI PRONTI A GAREGGIA’ PE VEDE’ CHI VINCERA’.
C’E’ IL PALESTRATO CHE NON RIESCE A TENE’ LI MUSCOLI DENTRO LI PANNI E SE GONFIA DE PIU’ QUANNO SE SENTE GUARDATO.
E LI? ECCO LA BELLONA
CAPELLI AL VENTO, ROSSETTO, MAGLIA ATTILLATA, CHIAPPETTA MOSSA.
SE SENTE TUTTA LEI.
QUANT’E’ AMMIRATA!
POI CE SO LI MAESTRI CHE CON LE LORO ALLIEVE SO TUTTI PRESI
E IE CORRONO AVANTI COME A TAIAIE L’ARIA,
TUTTI TESI,
PE FALLE ARRIVA' PRIMA E DANNO TEMPI E ORDINI CHE SEMBRA FANNO UN CORO.
E C’E’ IL GUARDONE CHE SE METTE A INSEGUI’ UNA BIONDINA CO LI PANTALONCINI CORTI E MENTRE IE STA DIETRO TIENE D’OCCHIO LE CURVE
INVECE DE GUARDA’ LI RETTILINEI E CERCA D’ALLUNGA’ SE POCO POCO LA MISS SE VOLE ALLONTANA’.
MA ECCO IL TRAGUARDO.
E’ FINITA. SO ARRIVATI.
APPLAUSI, FISCHI E POI… LE MOJI CHE, SODDISFATTE DE LI PROPRI OMETTI, STANNO TUTTE A ASPETTA’ CO LI GIACCHETTI
E INTANTO PENSANO TRA LORO: “ORMAI HANNO FATTO QUELLO CHE DOVEVANO FA’, FINALMENTE STASERA SE POTRA’ CONSUMA’!”